Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

Sicurezza dell’esercizio Ferroviario – Mancata fruizione del riposo fuori residenza, del personale di Macchina.

 

Roma,3 Dicembre 2018

Prot 246/SG/OR.S.A. Ferrovie

Trenitalia S.p.A. Amministratore Delegato

Ing. Orazio Iacono

Divisione DPLH

Direttore: Paolo Attanasio

Per conoscenza A.N.S.F.

Direttore

Oggetto: Sicurezza dell’esercizio Ferroviario – Mancata fruizione del riposo fuori residenza, del personale di Macchina.

La scrivente OO.SS è venuta a conoscenza, e con la presente intende denunciarne la pericolosità, di una iniziativa messa in atto nell’impianto Equipaggi Esercizio di Bologna nelle notti del 28 – 29 e 30 novembre.

Nello specifico si rileva che due macchinisti dopo aver effettuato un servizio di macchina avrebbero dovuto fruire del riposo giornaliero fuori residenza (RFR) nell'impianto di Bologna Centrale e successivamente al riposo già ridotto a 7 ore, svolgere un ulteriore servizio di condotta con treno tr 798.

Purtroppo a causa dei rumori assordanti prodotti dai lavori di manutenzione della sede ferroviaria, nei pressi del Ferrotel, gli stessi agenti, non hanno potuto riposare, segnalando nei modi d’uso la criticità al responsabile in servizio.

Tale causa -oltre a essere programmata- è anche di facile riscontro, infatti basta recarsi nelle ore notturne sul marciapiede del binario 1 della stazione di Bologna, nella zona prospiciente la struttura opportunamente individuata dall’Azienda per il riposo dei macchinisti e verificare che vengono svolti lavori di manutenzione. Inspiegabilmente la divisione DPLH pur essendo a conoscenza di tale situazione non ha adottato nessuna misura atta a garantire al personale il pieno godimento delle ore di riposo programmate.

Nel merito risulta inoltre che il Professional in servizio, dopo essere stato investito delle problematica dai Macchinisti, abbia informato i due lavoratori che la loro condizione di stanchezza a causa del mancato riposo doveva essere “risolta” con una auto-dichiarazione di malattia in mancanza della quale sarebbero stati ritenuti idonei a svolgere il servizio di condotta al treno.

In premessa è pleonastico ritenere una grave violazione di legge indurre un lavoratore a formalizzare una dichiarazione mendace (lo stato di non riposo

, e quindi di stanchezza, per mancanza dello stesso a causa di rumori molesti non integra i presupposti di malattia), inoltre si ritiene particolarmente pericoloso istigare 2 lavoratori, che dichiarano di non aver potuto dormire e quindi in condizioni psicofisiche precarie, a svolgere un servizio di condotta di un treno.

Laddove l’ordine del superiore gerarchico in esame rappresenti l’esecuzione di una procedura o di una prassi frutto di una precisa indicazione della dirigenza di questa azienda, riteniamo particolarmente grave tale condotta ascrivendone le eventuali conseguenze ad un vero e proprio atto di omissione delle azioni di prevenzione e tutela della sicurezza dell’esercizio Ferroviario, aggravato dal fatto che il riposo giornaliero dei macchinisti addetti alla guida di treni è già oggetto di una discutibile deroga, e quindi una condizione limite, come disposto dal Dlgs 66/2003.

Vorremmo infine ricordare che sulla sicurezza Ferroviaria la stessa ANSF, in materia di stanchezza dei lavoratori utilizzati in mansioni di sicurezza, è intervenuta; ma evidentemente tali azioni di sensibilizzazione sembrano non aver alcun riscontro effettivo (ANSF 00515/13 del 22.01.2013).

Sempre in materia si sottolinea infine che il servizio di Pronto soccorso è una attività operativa degli ospedali dedicata esclusivamente ai casi di emergenza e quindi riservata al cosiddetto intervento urgente, chiunque annunciando infortuni o pericoli inesistenti suscitando allarme presso enti che esercitano un pubblico servizio o facendo dichiarazioni mendaci in tal senso, configura un reato di procurato allarme di cui ne dovrà rispondere nelle sedi opportune.

Certi di aver esplicitato in maniera chiara ed inequivocabile la gravita dei fatti suesposti chiediamo un tempestivo quanto risolutore incontro sulla materia in oggetto.

Distinti Saluti

Il Segretario Generale

Andrea Pelle

Tags: ,

Calendario Attività

Agosto 2019
D L M M G V S
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Modulo Di Ricerca

Scegli un Sindacato libero
Iscriviti a ORSA Macchinisti Uniti
Pensioni
Commissionato Studio al CENSIS