Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

30-06-2012 LO SPECCHIETTO... E LE ALLODOLE

alt

Lo specchietto… e le allodole clikka QUI

TESTI CONTRATTUALI 

20-07-2012 - Testo Definitivo per Firma - Contratto Attività Ferroviarie

20-07-2012 - Testo Definitivo per Firma - Contratto Aziendale FS

Tabella Riassuntiva Orario di Lavoro PdM

 

Per cacciare le allodole viene adoperato uno speciale congegno a specchi che, illuminato dal sole, inganna quella specie di uccelli attirandoli nella rete. In riferimento a ciò, il detto viene usato per indicare tutto ciò che serve per ingannare gli ingenui con lusinghe e prospettive allettanti. 

Il perché di questo breve preambolo venatorio è semplice da spiegare; è di questi giorni la notizia che il tavolo di confronto sul rinnovo dei contratti AF e FS, scaduto oramai da sei anni, è stato chiuso e che i testi degli stessi sono definiti. Come al solito proprio in queste fasi si susseguono informative sindacali su quanto questi contratti porteranno nelle tasche dei macchinisti.

I più attenti ricorderanno perfettamente quanto accaduto in occasione degli accordi del 15 Maggio 2009 (agente solo) e del 17 Novembre 2010 (accordo equipaggi cargo). Nei giorni immediatamente precedenti ed in quelli seguenti abbiamo assistito ad un maldestro tentativo di nascondere ed offuscare la reale portata degli accordi citati attraverso l’illusione di un ingente aumento salariale che avrebbe portato il personale di macchina a guadagnare dai 500 ai 1000 euro in più al mese.

I macchinisti tutti stanno ancora aspettando, ma nel contempo hanno cominciato a subire gli effetti di quegli accordi. Si viaggia ad agente solo, si effettuano più ore di condotta rispetto a quelle previste dal CCNL del 2003, vengono effettuati treni merci con il TPC non in possesso di patente, si pretendono dai macchinisti una serie di operazioni aggiuntive ai treni come l’aggancio, l’apposizione dei fanali ecc., il soccorso del macchinista in caso di malore è ancora una chimera.  Insomma con la definizione del contratto 2012 si è portato a compimento l’impegno assunto fra le parti di “ridefinire la normativa degli equipaggi, in particolare del personale di condotta, tenendo in considerazione le condizioni di concorrenza presenti sul mercato” (cit. Accordo Programmatico del 15 maggio 2009).

Tutto ciò però non venne pubblicizzato e si continuò a parlare solo ed esclusivamente degli aumenti salariali che poi non ci sono stati. Circolavano da tempo voci sulla firma del contratto, un pessimo contratto i cui testi sono stati siglati il 28 giugno, e subito i “cacciatori” sono tornati ed hanno cominciato a posizionare i loro “specchietti”.  Tutte le Segreterie Nazionali parlano di aumenti stratosferici e dei lati positivi del contratto, che francamente non vediamo; si comincia, come consuetudine, a bagnare il terreno per evitare che il fuoco della protesta possa propagarsi e si omette, come al solito, di confrontarsi con chi poi suo malgrado dovrà subire le pesantissime conseguenze di tali scelte.

I “cacciatori” non vengono nei luoghi di lavoro a raccontarci che vogliono darci la metà dei soldi che avremmo dovuto percepire per il periodo di vacanza contrattuale (6 anni), non ci raccontano che stanno concedendo uno  sconto all’impresa sui premi di risultato degli  ultimi due anni (soldi dei ferrovieri), si guardano bene dallo spiegare al personale le conseguenze del passaggio da 36 a 38 ore settimanali per chi come noi ha turni aciclici, non spiegano per quale motivo bisogna diminuire i riposi e lavorare complessivamente 17/18 ore in un periodo di 24 (RFR),  non vengono a decantare la grossa vittoria rappresentata dal raddoppio dei limiti di condotta e dall’eliminazione di quelli a doppio agente, non li vedrete negli impianti a difendere la scelta di siglare un contratto che accetta i turni individuali e mensili, non verranno a rassicurarvi sul fatto che neanche in questa occasione sono riusciti a risolvere i problemi legati alla logistica, alla residenza amministrativa, ai riposi giornalieri e settimanali, non vengono a dirci che questo contratto non sarà vincolante per nessun’altra impresa per cui anche la clausola sociale è svanita, non vengono …
I “cacciatori” sono così, si nascondono, piazzano gli specchietti e … attendono. Purtroppo hanno il fucile. I Macchinisti però non sono le allodole!!!
             

Questi contratti non si possono firmare!!!

Nei prossimi giorni sarà divulgata una dettagliata informativa e saranno indette assemblee in tutti gli impianti contestualmente al referendum.

UNITI SI VINCE !!!

 

Roma, 30 giugno 2012.