Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

Richiesta urgente di convocazione al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria e Rete Ferroviaria Italiana

L’ennesimo incidente accaduto nell’ambito di un passaggio a livello ferroviario, registrato a Caluso il 23 maggio scorso, conferma la richiesta della scrivente del 17 novembre 2015 protocollo 165 - che si invia di nuovo allegata alla presente – di provvedere rispetto ad un piano straordinario di soppressione dei passaggi a livello. I passaggi a livello esistenti sulla rete ferroviaria gestita da R.F.I. risultano essere ancora 4400 circa, 250 in meno (circa) rispetto all’anno 2015. Pertanto, la previsione è che dovranno trascorrere molti anni affinché si riesca a liberare le strade, i marciapiedi e la rete ferroviaria dal pericolo dei passaggi a livello. Non sfuggono alla scrivente le difficoltà urbanistiche e infrastrutturali che concorrono con la soppressione di un P.L., per questi motivi si ritiene che - in attesa della loro soppressione - vadano ricercati ulteriori accorgimenti di sicurezza che possano concretamente porre rimedio alle violazioni del codice della strada che, come avvenuto a Caluso, sono causa di immani tragedie. Nello specifico, osservando l’incidente del 23 maggio 2018 e ferma restando l’inammissibile condotta del trasporto eccezionale su strada – causa dell’incidente, vanno considerate anche le potenzialità del sistema di sicurezza ferroviaria di “riparare” all’infrazione compiuta dal citato mezzo su gomma. Quel tratto di linea ferroviaria (Chivasso-Aosta) osserva una velocità massima di 135 km/h e il pedale che aziona la chiusura del P.L., luogo dell’incidente, è situato ad una distanza di circa 1300 metri. Le eventuali anormalità rispetto alla corretta chiusura del P.L. vengono accertate dal Dirigente Centrale Operativo di Torino Lingotto, che ha il compito di avvisare il Macchinista del treno. Considerata la velocità del treno e la distanza tra il pedale e il P.L., la descritta operazione di emergenza dovrebbe compiersi nell’arco di circa 30 secondi. Si ritiene che siffatta procedura di emergenza, che possibilmente esiste su altri passaggi a livello della rete ferroviaria, vada attentamente valutata e riconsiderata. Per quanto sopra esposto, con la presente si chiede urgente convocazione/audizione alle Autorità in indirizzo.