Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

2017-07-04 Informativa Mercitalia Verifica Andamento e FLEX

Durante  la  riunione  del  28  giugno  scorso  sulla  verifica  congiunta  prevista  dal  contratto  sull'andamento  della produzione  dei  primi  cinque  mesi  di  attività,   Mercitalia  Rail  ha  dichiarato  che   è  riuscita  a  ottenere  solo  un  4%  di  aumento  di  produttività  rispetto  al  11%  programmato  negli  obbiettivi  del  piano  industriale,  senza  però  dare  evidenza degli  indici   di  produzione  procapite,  del  fabbisogno  e  dei  KM/treno  effettuati.  L’impresa   ha  dato  solo  evidenza  delle FLEX  esigibili  programmate  e  realmente  effettuate;  contestualmente   proponeva  l'adozione  di  alcuni  incentivi economici  per  esigere  tutte  le  Flex  ,  anche  quelle   da  contrattare  in  trattativa  locale  e  nello  specifico  proponeva:

  Turni senza l'esigibilità  della  pausa  per  la  refezione,  proponendo  €  18,00  sostitutivi  del  diritto  al  pasto;

  Aumento degli RFR diurni  da 1  a 3  al mese riconoscendo  € 30  al  secondo  e  €  50  a  terzo; 

  Aumento del numero di RFR da 6 a 7/8 riconoscendo € 30 al settimo  e  € 50 all'ottavo;  

  Impegno superiore  ad un'ora per  la  terza  notte.  

Durante questo  primo  incontro  ORSA  ha  rigettato  queste  proposte,  dichiarando  che  queste  leve  economiche potevano  essere  eventualmente  discusse  nelle  trattative  territoriali,  per  quanto  già  previsto  dal  contratto  ‐con esclusione  del  diritto  al  pasto. Nell’incontro  del  3  luglio,   che  ha  trovato  continuazione  nella  odierna  mattinata,  ci  è  stato  consegnato  un  testo  di accordo  che  cercava  di  trovare  soluzione  a  tre  problemi:  servizio  di  ritorno  in  condotta  dopo  RFR  maggiore  di  24  ore;  programmazione  e  applicazione  delle  Flex  e  fruizione  del  pasto.  Il  quarto  punto  dell’accordo  proponeva  invece  dei compensi  economici,  da  discutere  nelle  trattative  territoriali. Nel  corso  della  trattativa  abbiamo  chiesto:  la  reintroduzione  del   TIB,  per  inserire  in  turno  il  personale  disponibile,  che il  personale  avesse  sempre  il  diritto  al  pasto  e  che  ‐solo  su  base  volontaria‐  potesse  optare  per  un  compenso economico;    inoltre  abbiamo  chiesto  che  le  trattative  locali  siano  svolte  secondo  quanto  previsto  dal  contratto,  con  la consegna  dei  dati  di  produzione  assegnata.  Insieme  alle  altre  OO.SS.  abbiamo  inoltre  chiesto  che  i  macchinisti  di  Serfer  diventassero  dipendenti  di  Mercitalia  Rail. L'azienda  ha  rigettato  le  nostre  richieste,  asserendo  che  a  fronte  di  un  compenso  economico  determinati  diritti possano  venire  meno. Di  fronte  a  questa  negazione  dei  diritti  e  alla  loro  mercificazione  abbiamo  ritenuto  di  non  voler  sottoscrivere l'accordo.  Dobbiamo  rilevare  le  difficoltà  del  gruppo  dirigente  nel  governare  un  processo  di  rilancio  del  settore  cargo  che  ci  ha visti,  nel  corso  del  rinnovo  contrattuale,  dare  fiducia  allo  stesso  attraverso  la  concessione  di  sacrifici  normativi. Purtroppo  però  ad  oggi  ci  risulta  che  Mercitalia  Rail  abbia  contabilizzato   un  passivo  di  35  milioni  di  euro  nei  primi  5 mesi  di  attività,  continuando  a  perdere  servizi  in  favore  delle  I.F  private. Di  fronte  a  questo  scenario  non  rimane  che  la  mobilitazione  del  personale,  per  porre  fine  a  questo  gioco  del continuo  ribasso  dei  diritti  e  alla  loro  mercificazione,  puntando  all’obiettivo  di  un  contratto  unico  per  tutte  le Imprese  ferroviere.

In allegato il comunicato ufficiale