Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

2018-09-25 Incontro con Mercitalia Rail

Si è svolto l’incontro con Mercitalia Rail, in prosecuzione del precedente del 21 c.m. Nella SALA SONI di Milano, l’azienda ha illustrato alla rappresentanza ORSA -scendendo nei dettagli- il progetto di nuove assunzioni. Come già descritto

precedentemente, questi giovani lavoratori svolgeranno un ruolo di supporto agli attuali Coordinatori che in caso di turbativa della circolazione o criticità latenti “dovrebbero” dare risposte tempestive e risolvere i problemi intervenendo efficacemente sulla regolarità dei treni. Questi neo assunti saranno inquadrati nel livello stipendiale D e ovviamente nel tempo andranno a sostituire le attuali risorse. Per quanto riguarda le criticità esposte da ORSA nelle precedenti riunioni, l’azienda ha dichiarato di aver ritirato l’attività di remotizzazione degli Impianti di Bari, Foggia e Pescara riportando la gestione della programmazione servizi all’IT di Bologna. In merito alle precedenti istanze di chiarimenti, la dirigenza ha dichiarato che darà seguito alle nostre richieste di apertura di confronti nel territorio, ancor prima di adottare soluzioni definitive di natura organizzativa. In relazione alle richieste di ORSA di poter ottenere il dato disaggregato del numero di addetti ( TPT e Personale di Macchina ) per territorio e le relative percentuali di utilizzo dei moduli di condotta, non sono stati in grado di fornirci i numeri esatti, riservandosi a breve di presentarci la situazione a valle di una verifica nei vari territori, come richiesto da ORSA, approfondendo le difficoltà operative che abbiamo descritto nei minimi particolari. Inoltre l’azienda - dopo la ferma richiesta di ORSA - ha confermato la chiusura definitiva della struttura gestionale denominata Mercitalia GT, pertanto sia la produzione che i macchinisti torneranno nella piena disponibilità degli impianti di appartenenza. Ci è stato annunciato anche la futura immissione di loc. 494 con dispositivi di vigilanza con punti di reiterazione. A questa illustrazione abbiamo, molto chiaramente, espresso la nostra posizione: 

• sulle assunzioni di personale alla sala SONI abbiamo ribadito il danno che questa azienda riceverà dall’immissione di personale in contesti che sono “lontani“ dai punti nevralgici delle criticità, ovvero privi di una conoscenza ed esperienza che nel Trasporto Merci è fatta di contatto con chi del territorio ne conosce bene asperità e zone d’ombra e che soprattutto ne conosce le soluzioni efficaci per far circolare i treni. Inoltre l’inquadramento al livello D delle nuove immissioni nella sala SONI è a dir poco fuori luogo rispetto alla natura del lavoro e ad un eventuale sviluppo di carriera. 

• Sull’immediata interruzione del progetto di remotizzazione di BARI -anche a fronte delle nostre rimostranze- abbiamo chiesto quanti treni siano stati soppressi a causa di questa incauta decisione di cui avremmo ben volentieri fatto a meno e che ha confermato quanto da noi dichiarato, ovvero che solo una gestione locale fatta da programmatori che conoscono bene i Tecnici Polifunzionali e i Macchinisti consente ai treni di circolare. I progetti di remotizzazione (ovvero gestione di uomini e treni da parte di programmatori che non conoscono la realtà locali ) sono un danno per MIR e di cui qualcuno dovrebbe iniziare a rispondere. 

• In relazione alla nuova immissione delle Loco 494 implementate del vigilante con più punti di reiterazione, abbiamo ribadito la nostra richiesta di prevedere sui merci il solo equipaggio a doppio agente, eventualmente polifunzionale, per dare soluzione all’annoso problema del soccorso ( come anche confermato da organi di vigilanza in diverse regioni). Pertanto consideriamo che il sistema vigilante sui mezzi Mercitalia Rail sia inutile e distante dalla citata rivendicazione di questa O.S. 

• In relazione alle nuove assunzioni e alle professionalizzazioni abbiamo chiesto per i TPT un percorso preferenziale di professionalizzazione a Macchinista per consolidare la formazione di un equipaggio garante della sicurezza dei lavoratori e dell’esercizio Ferroviario. 

La dirigenza Mercitalia ha proposto di aggiornarci dopo alcune verifiche e i gli incontri territoriali in programma.