Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

2018-11-22 Sensore di Reiterazione Automatica del Rilevamento dell'Attività del Macchinista

Informativa sulla presentazione di Trenitalia del nuovo sensore automatico di reiterazione del controllo dell'attività del Macchinista.

In data odierna alla presenza dei Dirigenti Nazionali di Trenitalia e di Direzione Tecnica, si è svolta la presentazione del nuovo sensore automatico di reiterazione del rilevamento dell'attività del macchinista. Tale sensore di fatto eviterà che il macchinista debba agire sui punti di reiterazione e o sul pedale per far riconoscere all'apparato l'attività del macchinista. Ci è stato anche presentato il piano di attrezzaggio del parco rotabili di Trenitalia, che prevede una prima e immediata implementazione di 14 Jazz della DTR Piemonte, entro aprile del 2019, con la presentazione in esercizio del primo Jazz n°9 indicativamente il giorno 06 dicembre 2018, alla presenza delle organizzazioni sindacali, a Torino. Successivamente seguirà l'implementazione sulle "teste di serie" degli altri mezzi in dotazione a Trenitalia, con un programma di attrezzaggio di tutti i mezzi che inizierà a settembre 2019 e che si dovrebbe concludere entro il piano industriale del Gruppo FS nel 2023. Nel corso dell'incontro abbiamo richiesto che al più presto venga aperto un percorso di confronto atto a stabilire le norme di gestione della verifica dell'efficienza dell'apparato e degli eventuali guasti; si è inoltre ribadito che all'interno di questo percorso deve essere prevista la reintroduzione di un sistema di esclusione dell'apparato in caso di guasto, senza che questo determini la necessità di escludere il sistema di sicurezza di controllo della marcia del treno. L'azienda ci ha dato rassicurazioni in tal senso e si è riservata di presentarci una proposta di regolamentazione, dopo i necessari passaggi e verifiche con ANSF. Trova oggi compimento una storica rivendicazione di ORSA MU, che già dai tempi della introduzione del VACMA ci ha visto unici attori nel contrastare, un dispositivo invasivo e dannoso per la salute dei Macchinisti. Esprimiamo vivo apprezzamento per il risultato raggiunto che ci ha visti protagonisti nella individuazione e nella definizione del nuovo sensore, all'avanguardia nel panorama europeo. Continueremo la nostra azione sindacale di controllo e di proposta fino alla completa implementazione di tutto il parco rotabile ferroviario circolante sul territorio italiano. 

Roma 22-11-2018