Questo Sito utilizza cookie. Se continui la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. ACCEDI per visualizzare maggiori risorse.

2019-01-17 INCONTRO SU TURNI PERSONALE MOBILE E NOTE DPLH

Nel pomeriggio di ieri si é tenuto l’incontro con Trenitalia incentrato su temi relativi al personale mobile. In apertura d’incontro, l’Azienda ci ha informato che verranno emanate due nuove disposizioni per tutta la Divisione Passeggeri in sostituzione delle NOTE DPLH emesse il 14/12/18 su procedura

di partenza e vendita di biglietti in overbooking. A tal proposito, la nuova nota dovrebbe prevedere l’eliminazione dei biglietti senza garanzia del posto per i treni IC e FB ed una limitazione alla vendita di 20 biglietti per i treni AV, solo su tratte brevi. Consideriamo la soluzione prospettata un sensibile passo avanti, seppure insoddisfacente a sanare tutti i rilievi evidenziati ad ANSF da ORSA FERROVIE. Abbiamo ribadito che siamo contrari a precostituire qualunque circostanza di affollamento, sottolineando, tra l’altro, che la definizione di “brevi tratte” lascia un eccessivo margine di discrezionalità all’Impresa per eludere i dettami dell’Agenzia e non tiene conto delle eventuali particolarità della linea in caso di necessità d’esodo per emergenza. Rispetto alla procedura di partenza, anche quella oggetto di ricorso in ANSF da parte di ORSA, la bozza non definitiva accoglie parte dei rilievi sindacali e prevede la chiusura delle porte, tranne quella del capotreno, un minuto prima della partenza del convoglio. La conferma della via libera e dunque il completamento della procedura di avvio del treno, nel rispetto della DEIF 41.4, avverrà a orario e solo a segnale aperto. Prima di dare un parere definitivo e valutare eventuali nuove iniziative attendiamo ufficializzazione delle note discusse. Il tavolo ha poi analizzato lo stato delle consistenze in forza agli equipaggi della DPR, constatando la necessità di nuovi apporti in funzione dei numerosi pensionamenti previsti nel biennio 2019/2020. Allo stato attuale, l’Azienda ha ammesso che esistono sofferenze di organico nel mondo “macchina” dove occorrere un maggior apporto di risorse. Relativamente al turnover Trenitalia é stata sollecitata a rendere effettivo l’utilizzo dello strumento del ricambio generazionale, ad oggi ancora sospeso. TURNI DEL PERSONALE MOBILE Il tavolo ha poi affrontato il tema centrale della riunione, riguardante il superamento del sistema individuale di vestizione dei turni in favore di un sistema che preveda la possibilità di un ritorno al turno rotativo collettivo, in coerenza con quanto sottoscritto nel CCNL 2016 Orsa Ferrovie ha espresso la volontà di dare seguito al percorso tracciato nell’ultimo rinnovo contrattuale, chiarendo che, in ogni caso, è indispensabile che il confronto interessi la ridefinizione delle regole del lavoro del personale mobile nella direzione di una riduzione dei carichi di lavoro, di un maggior riposo e della salvaguardia della salute dei lavoratori. Al di là di qualche vaga disponibilità che, da oltre un anno, aspettiamo si tramuti in impegni concreti, l’Azienda non ha inteso formalizzare riunione al 4 febbraio ORSA FERROVIE . are nessun p asso avanti, limitandosi a chiedere un aggiornamento del , pur restando disponibile al confronto, ha la chiarito che un’ulteriore dilazione dei tempi si scontra con le non più rinviabili esigenze del personale mobile miglioramento delle condizioni di lavoro , dopo anni di g , ribadendo che occorre addivenire ad un rande produttività e sacrifici. Generiche dichiarazioni d’intenti, oggi, non bastano a sanare le gravi difficoltà vissute nei territori dove il personale quotidianamente lamenta l’insostenibilità dei carichi di ORSA FERROVIE , per mesi , lavoro ha dimostrato pazienza e disponibilità al dialogo; momento di riconoscere adesso riteniamo sia il che per il bene di tutti, anche dell’Impresa, occorre introdurre dei correttivi significativi all’attuale sistema di turni di lavoro del personale mobile. A quanto pare, gli sforzi profusi in attesa di soluzioni condivise, non sembrano essere sufficienti e si rende necessario prepararsi al conflitto.